Navigate / search

[ImprobableIsMe] Si vede che avevo voglia di fare un tuffo

Rido da ieri sera e mi sono svegliata ridendo. Di me.

Ieri sera sono andata a fare la mia tipica corsetta a S. Luca.

Al ritorno, scendendo le scale del portico di corsa, complice il sole ormai calato da ore e la lampadina di quel pezzo di portico non funzionante, ho deciso di fare un tuffo.

frank-shorter-frank-shorter-because-running-fast-is-more-fun-than

Stavo correndo probabilmente troppo veloce e mi sentivo fichissima e, come ogni qual volta passeggio in centro, mi sento fichissima e quindi mi inciampo, anche in questo caso la mia punta del piede ha incontrato un minuscolo ostacolo che mi ha fatto prendere il volo in discesa tipo Superman. Un tuffo di testa a pieno titolo nel quale sono atterrata su mani e avambracci per poi rimbalzare tipo flipper sulla chiappa sinistra, cosa che mi ha sicuramente salvato la vita (grazie chiappa sinistra).

Avete presente quando correte troppo veloce e non riuscite più a fermarvi quindi vi spataccate per terra? Ecco. A me capitava sempre da bambina.

La cosa divertente è che non ho emesso alcun suono, bensì la mia prima preoccupazione, in un nanosecondo, è stata guardarmi intorno a 360° per verificare che nessuno mi avesse vista, scattare in piedi come una cavalletta, e correre via, vedi anche scappare, più veloce di prima per l’imbarazzo. Di fatto credo di aver fatto il mio miglior tempo assoluto. Ridendo per giunta. ;P

Anche questa era una scena tipica della mia infanzia. Tra le tante ricordo quella volta che a ginnastica artistica durante una rovesciata mi sono auto-data una ginocchiata nel naso che quasi svenivo con relativa caduta (non chiedetemi come). L’insegnate poco dopo era venuta da me a chiedermi se era tutto ok, se mi ero fatta male. E ricordo di aver detto “Ma và, tutto ok, non sono mica caduta”, faccio una ruota per dimostrarlo e in quel momento iniziava a colarmi sangue a fiotti dal naso e vedevo solo vagamente l’insegnante tanto mi girava la testa. Hahah

Comunque, essendomi rimessa subito a correre, non ho avuto tempo di valutare i danni, seppur miseri, della mia caduta. Tuttavia, grazie alla mia chiappa salvatrice, ho solo qualche ammaccattura e sbucciatura qua e la su braccia e  mani. Come i bambini. Si pronostica sedere blu/violetto entro il fine settimana (ora sto seduta sull’altro lato).

Comunque non mi ha vista nessuno eh?! ;P

Mi viene ancora da ridere.

running-cheaper-than-therapy-gray-design-280

Leave a comment

name*

email* (not published)

website