Navigate / search

[ImprobableIsMe] Cosa mi racconti?

Chiedere. E’ una cosa particolare chiedere. Lecitissima, certo. Ma per qualche stupida ragione non sono mai stata abituata a chiedere. Sono sempre stata più propensa ad arrangiarmi pur di non chiedere, con i pro e i contro della cosa ovviamente.

Ma non è questo il punto.

Psychology-is-fun-psychology-22111149-500-375

Avete una domanda che, quando vi viene posta (esclusi i rarissimi casi nei quali ha un senso), vi fa sbuffare internamente di brutto, ma proprio di brutto? Che, perdonate il termine, vi fa proprio schiantare per terra “le palle“?

La mia è: “Cosa mi racconti?“. Ok, se sei un mio amico ci può stare. Se e solo se. Ma per tutti gli altri, che cavolo significa “cosa mi racconti”? Soprattuto quando, a pormi la domanda, è qualcuno che mi conosce appena. E’ irritante e poco sensata. Cosa dovrei, raccontare cose così a vanvera a qualcuno che conosco appena? Mi viene sempre da ridere (sotto i baffi ovviamente) quando la sento, perchè chi la pone non si rende mai conto della noia di questa frase.

Certo è più che piacevole quando qualcuno ti chiede di raccontare qualcosa di te. Qualcuno di cui ti importa però. O qualcosa di un tantino più specifico.

Quindi, conoscenti e meno conoscenti, abbiate pietà è smettetela di farmi questa domanda. Lo apprezzerò. 😀

Comunque sto imparando a chiedere. Sempre di più. Non è così male. 😉

Leave a comment

name*

email* (not published)

website